Biblioteca © 2002 Fotosensibile. All rights reserved.

Biblioteca

Di colpo si fa notte e s’incunea a crudo il freddo
La città trema
Livida trema
Brucia la biblioteca, i libri scritti e ricopiati a mano
Che gli Ebrei Sefarditi portano a Sarajevo in fuga dalla Spagna S’alzano i roghi al cielo
S’alzano i roghi in cupe vampe
Brucia la biblioteca degli Slavi del Sud, europei dei Balcani
Bruciano i libri, possibili percorsi, le mappe e le memorie, l’aiuto degli altri
S’alzano i roghi al cielo
S’alzano i roghi in cupe vampe
S’alzano gli occhi al cielo
S’alzano i roghi in cupe vampe
S’alzano gli occhi al cielo
S’alzano i roghi in cupe vampe
S’alzano i roghi al cielo
S’alzano i roghi in cupe vampe
Di colpo si fa notte e s’incunea a crudo il freddo
La città trema
Come creatura… Cupe vampe, livide stanze
Occhio cecchino, etnico assassino
Alto il sole, sete e sudore
Piena la luna, nessuna fortuna
Ci fotte la guerra che armi non ha
Ci fotte la pace che ammazza quà e là
Ci fottono i preti, i pope e i mullah
L’ONU, la NATO, la civiltà
Bella la vita dentro un catino
Bersaglio mobile di ogni cecchino
Bella la vita a Sarajevo città
Questa à la favola della viltà